Goloso e Curioso
A MONTEPULCIANO NEGLI SPAZI DI CANTINE DEI IL SIMPOSIO PERMANENTE DI SCULTURA “DALLE RADICI AL CIELO”

A MONTEPULCIANO NEGLI SPAZI DI CANTINE DEI IL SIMPOSIO PERMANENTE DI SCULTURA “DALLE RADICI AL CIELO”

Un simposio di scultura permanente interamente dedicato al travertino, la pietra simbolo delle terre di Siena. E’ quanto realizzato da Caterina e Camilla Dei in alcuni degli angoli più suggestivi dell’azienda di famiglia Cantine Dei a Montepulciano (SI) e inaugurato la scorsa settimana. Dalle radici al cielo, questo il nome della mostra permanente - ha visto la collaborazione di alcuni tra i più importanti e apprezzati scultori nazionali ed internazionali provenienti dagli Stati Uniti, Germania, Argentina e Italia come David Campbell, Pablo Damian Christi, Filippo Galgani, Venske und Spanle, Emanuele Giannetti, Riccardo Grazzi sotto la direzione artistica di Craig Copeland. Sette le opere realizzate tra i 18 e il 26 luglio a Serre di Rapolano nella Travertini Paradiso industria del travertino del Gruppo Dei con nomi evocativi del rapporto tra paesaggio, ambiente e vino come Anello dei vini, Dei Ploidy, Donna, Gatto Dei Cantine Dei, Il carro di Bacco, All’ombra dell’infinito e il Portale di Bacco. «Abbiamo voluto scrivere insieme una nuova pagina di storia della nostra famiglia – hanno detto Caterina e Camilla Dei inaugurando la mostra – Arte, paesaggio e vino in questo omaggio che abbiamo voluto fare a nostro padre Glauco, rappresentano un unico linguaggio universale che non ha bisogno di alcuna traduzione per essere compreso». Quello del travertino è un elemento essenziale che caratterizza anche la nuova architettura delle Cantine Dei. Completamente immersa nei vigneti che circondano l’azienda, l’architettura della nuova cantina, completamente realizzata in travertino, s’inserisce armoniosamente nella dolcezza del paesaggio collinare che circonda Montepulciano. Le sfumature di questo prezioso materiale si sposano con i colori dei terreni dai quali provengono le nostre migliori uve e anche gli altri materiali utilizzati, il vetro e il legno, si integrano perfettamente nell’ambiente circostante. La forma dell’accesso alla cantina, una discesa che richiama la forma di una chiocciola, è un forte sussulto verso quel territorio da cui il vino trae origine e che riporta alla mente le conchiglie fossili che si trovano nel terreno di Bossona, i suoi sapori, la sua complessità e la sua eleganza.


Claudio Zeni

Tutti gli articoli >

ZeniClaudio
A montepulciano negli spazi di cantine dei il simposio permanente di scultura “dalle radici al cielo”

ZeniClaudio

ZeniClaudio

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’,  il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso  'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano). 

Editore

Editore del Goloso & Curioso la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»