Goloso e Curioso
ASSAGGI DI TEATRO

ASSAGGI DI TEATRO

 

E’ ricomincia il 31 gennaio 2017 nel territorio di Torino e provincia Assaggi di Teatro, il percorso goloso attraverso il quale assaporare il bello e il buono del teatro. L’iniziativa Assaggi di Teatro, che a Torino è stata avviata nel 2010 e che giunge quest’anno alla settima edizione piemontese, è realizzata da Roma Gourmet, associazione Astarte, in collaborazione con Fondazione del Teatro Stabile di Torino con il patrocinio di Regione Piemonte, Città metropolitana di Torino, Città di Torino, nell’ambito di Contemporary Art. Ideazione e cura sono della giornalista Maria Luisa Basile con la complicità golosa dei cuochi (in ordine di apparizione) Marcello Trentini, Giovanni Grasso e Igor Macchia, Marco Rossi, Christian Milone, Anna e Claudio Vicina. Assaggi di Teatro mette in relazione la cultura teatrale con ingredienti, usi e tradizioni della cucina, in un gioco di rimandi che stuzzica la fantasia, conquista il palato e permette di esplorare in modo nuovo il cartellone teatrale. Ne nascono ideazioni culinarie che rappresentano una combinazione inedita di frammenti di teatro e di cucina. Perché in fondo il cibo ha sempre avuto la capacità di significare, di veicolare informazioni, di costruire identità e di comunicarle. Attraverso il linguaggio del cibo Assaggi di Teatro guarda alla cucina come fonte di significato per comunicare la cultura del teatro del nostro tempo.  Il sipario goloso di Assaggi di Teatro si è alzato il 31 gennaio con la rivisitazione gourmet delle Sorelle Materassi da Aldo Palazzeschi, alle quali lo chef Marcello Trentini (ristorante Magorabin, Torino) ha dedicato un trittico goloso composto da Bottarga patate e aceto allo Champagne che carezza la tenera e impossibile passione d’amore delle due donne protagoniste, facendo scoprire che per risvegliare i sensi a volte basta un tubero, come sapeva sicuramente Niobe, la cuoca coprotagonista dell’opera. Si prosegue il 21 febbraio con Tony Pagoda / Ritorno in Italia di Paolo Sorrentino interpretato dagli chef Giovanni Grasso e Igor Macchia (La Credenza, San Maurizio Canavese) con una preparazione culinaria che avrebbe sicuramente procurato al cantante partenopeo, orgoglioso di essersi esibito al Metropolitan di New York in presenza di Frank Sinatra, il sospirato invito a cena con the voice. Dal 14 marzo Giulio Cesare di William Shakespeare eserciterà il suo fascino sullo chef Marco Rossi (La Mugnaia, Ivrea) che in cucina sentirà forse risuonare le parole "tu, quoque, Marco!". Dal 18 aprile Ritratto d’Italia di Giacomo Leopardi è messo sulla graticola dallo chef Christian Milone (Trattoria Zappatori, Pinerolo) in un altrettanto appassionato ritratto gastronomico del popolo italiano in porzione singola. Il saluto finale alla stagione teatrale e a quella gourmet è affidato il 23 maggio a Il nome della rosa da Umberto Eco insieme agli chef Anna e Claudio Vicina (Casa Vicina per Eataly, Torino) che guarderanno al Medioevo per ideare una leccornia di gusto moderno. I duetti gastronomici fra Assaggi di Teatro e la stagione 2016-17 del Teatro Stabile Torino, possono essere assaporati in vari modi: si possono guardare gli spettacoli in scena nei Teatri Carignano, Gobetti, Fonderie Limone Moncalieri, ascoltare le storie narrate dagli attori e poi scoprire le connessioni teatral-culinarie sul web e sui social network. I piatti speciali ispirati da trame, suggestioni e protagonisti delle opere teatrali si possono assaporare nei ristoranti degli chef (per due settimane a partire dal primo giorno della rappresentazione degli spettacoli ai quali sono legate e ricevendo un omaggio goloso se si presenta il biglietto del teatro), oppure cucinare a casa seguendo le ricette d’autore pubblicate sul web. Il calendario aggiornato di Assaggi di Teatro e l’evocazione di questi sapori e di tutti quelli che nel corso della stagione la scena saprà ispirare, sono raccontati con parole, immagini e ricette d’autore sui social seguendo l’hasthag #assaggiditeatro e sui siti: www.assaggiditeatro.it www.roma-gourmet.net

 

Claudio Zeni

Tutti gli articoli >

ZeniClaudio
Assaggi di teatro

ZeniClaudio

ZeniClaudio

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’,  il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso  'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano). 

Editore

Editore del Goloso & Curioso la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»