Goloso e Curioso
LA PRIMAVERA DEL MUSEO DEL CULATELLO

LA PRIMAVERA DEL MUSEO DEL CULATELLO


Sarà perché la primavera è la stagione in cui le particolari condizioni atmosferiche, complice la prima tiepida brezza dell’anno, concorrono a convogliare i profumi nell’aria o forse perché, a quel punto, mancheranno poche settimane all’apertura dell’EXPO di Milano. Fatto sta che l’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense – vero e proprio avamposto della tradizione enogastronomica e delle secolari pratiche di preparazione dei salumi emiliani - ha fissato al 21 marzo 2015 l’inaugurazione del Museo del Culatello. Frutto di un’idea di Massimo e Luciano Spigaroli, affidata, per la fase realizzativa, alla passione di tre giovani collaboratori provenienti dal Master COMET (Cultura, Organizzazione e Marketing dell’Enogastronomia Territoriale) dell’Università degli Studi di Parma, il progetto prende forma negli ambienti di questo regno del gusto per l’allestimento di un percorso che ne sfrutta gli strumenti già presenti ma che li arricchisce e li organizza. Saranno una serie di audioguide in doppia lingua a descrivere la storia e gli itinerari, attraverso contenuti originali, consentendo agli ospiti di avventurarsi, in maniera autonoma e con i propri tempi, lungo la narrazione di una tradizione che è legata tanto al luogo quanto ai luoghi e che pertanto può essere scoperta seduti sull’argine o davanti ai pannelli installati nella Cantina dei Culatelli o nella Sala delle Botti o attraversando il Museo di Verdi Agricoltore, presumibilmente inserito nel percorso suggerito. L’idea, comunque, è che il Museo del Culatello debba essere una realtà in movimento, capace di ampliare i propri contenuti e la propria circonferenza, come una storia che continua ad essere scritta in quello che è considerato come un crocevia dei sapori, che non può smettere di celebrare il patrimonio e la ricchezza del territorio.

www.acpallavicina.com/relais


Claudio Zeni

Tutti gli articoli >

ZeniClaudio
La primavera del museo del culatello

ZeniClaudio

ZeniClaudio

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’,  il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso  'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano). 

Editore

Editore del Goloso & Curioso la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»