Goloso e Curioso
MAURITIUS PERLA NELL’OCEANO INDIANO

MAURITIUS PERLA NELL’OCEANO INDIANO


Vicino al Tropico del Capricorno le stagioni sono all’opposto rispetto all’Italia, così il periodo migliore per recarsi a Mauritius va da novembre ad aprile. Il fascino di questa terra viene dalla varietà dei paesaggi, insolita considerandone le dimensioni limitate: montagne di origine vulcanica, altopiani rivestiti di piantagioni di canna da zucchero, spiaggia dalla sabbia color avorio e fondali che spaziano dall'acquamarina screziata al blu cobalto poiché la barriera corallina trasforma i flutti dell'oceano in lagune calmissime. Alla varietà della natura corrisponde quella delle razze: discendenti dei colonizzatori olandesi, francesi e inglesi convivono con mauriziani dalle origini indiane, cinesi, africane, creole e meticce. Denominatore comune è la propensione al sorriso, e se colori e aromi fragranti si stemperano nell'aria, il fattore umano rappresenta da sempre un elemento altrettanto seducente.C’è molto da fare e da vedere a Mauritius: Il giardino botanico di Pamplemousses. Conosciuto da naturalisti di mezzo mondo, contiene specie rare di uccelli ed esemplari introvabili quali i gigli marini che possono avere un diametro di quasi due metri, le palme Talipot e Corifa e i fiori di loto Victoria Regia; La capitale Port Louis, con alle spalle una catena montuosa che la ripara dagli alisei. Panorama incantevole quello che si gode dalla fortezza Cittadella, unito al chiassoso porto e al divertente shopping che si può fare nel Bazar: dalle spezie quali il tè alla vaniglia alla seta, dai monili tipici ai modellini di velieri in legno; Le escursioni in catamarano o goletta. Si salpa da Grand Baie per la baia selvaggia di Anse aux Filaos, oppure da Trou d'Eau Douce, facendo snorkeling a Grand Port e visitando Grand Bois con la sua riserva di cervi; Escursioni epicuree come quelle di Eureka e Domaine les Pailles, mete per chi ama gozzovigliare. La prima è un'antica casa creola dove si possono allestire serate particolari con pietanze mauriziane. La seconda è la ricostruzione di una proprietà coloniale dell'800 con tanto di ristorante, parco, scuderie, mulino e stanza degli alambicchi per la distillazione del rhum; Shopping. Tovaglie ricamate, borse di paglia, splendidi modellini di velieri antichi; a Florane i maglioni in cachemire costano un terzo rispetto all'Italia. Una meta ottima per acquisti è Curepipe, oltre al mercato nella capitale Port Louis. A Mauritius Veratour gestisce il Veraclub Le Grand Sable, della linea Atmosphera Collection. Situato a Belle Mare – est dell’isola – dista 45 chilometri dalla capitale Port Louis. I vari corpi che lo compongono sono tutti affacciati sul mare; questo aspetto, unitamente alle dimensioni raccolte – sole 52 sistemazioni - concorre a creare un’atmosfera accogliente e rilassante. Nel Veraclub Le Grand Sable anche la piscina è panoramica (guarda l’oceano) e si aggiunge a ristorante, bar, palestra e sala per gli spettacoli serali. Numerose le attività sportive praticabili, fra cui windsurf, catamarano, canoa, beach tennis e beach volley, che rientrano nella formula all inclusive. Quote per pacchetti di 9 giorni/7 notti. Voli di linea da Milano e Roma, trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto e trattamento all inclusive: partenze di settembre e ottobre da € 1.350. - partenze di novembre da € 1.450. Bambini 2-12 anni in camera con due adulti: riduzione 50%. www.veratour.it e nelle migliori agenzie di viaggio


Claudio Zeni

Tutti gli articoli >

ZeniClaudio
Mauritius perla nell’oceano indiano

ZeniClaudio

ZeniClaudio

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’,  il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso  'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano). 

Editore

Editore del Goloso & Curioso la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»